OBIETTIVO STARTEGICO 6                                          FUNDARASING                                         

Fundraising: l'umiltà di chiedere aiuto per poter aiutare

Fundraising, "la nobile arte di insegnare alle persone la gioia di donare" (H. Rosso). Con questa citazione Alberto Ghione, fundraiser, ha aperto il workshop della seconda Assemblea Nazionale dei Giovani della Croce Rossa dedicato alla raccolta fondi. Un'attività centrale, in quanto consente all'associazione di portare avanti la sua opera a tutela dei più vulnerabili mantenendo la stabilità economica.

Il fundraising è infatti quel processo per il quale possiamo avvicinare un potenziale donatore alla causa da supportare; per ottenere un sempre migliore risultato la distanza tra donatore e beneficiario deve essere ridotta al minimo. Questo perché le persone non donano alle organizzazioni come la Croce Rossa perché queste ultime hanno bisogni, ma perché queste ultime RISPONDONO a dei bisogni. La prima relazione che si viene a creare quindi è quella tra donatore e beneficiario finale e solo in un secondo momento, con uno studio più approfondito, si deve cercare di far avvicinare il benefattore all'associazione stessa.
 
Irene Severini, fundraiser e relatrice esterna, ha portato la sua preziosa esperienza personale e le idee innovative per uno start up (avvio) di raccolta fondi, raccontando un evento da lei ideato e gestito con il fine di raccogliere fondi per il restauro di un oratorio.
Parlare in modo chiaro, diretto e facilmente comprensibile per evidenziare con umiltà i problemi vicini alla gente: questo è il modo migliore per colpire l'animo dei possibili donatori.
 
Questo incontro ha fatto apprendere che per ottenere un riscontro economico bisogna avere ben chiare le cause che si vogliono perseguire. Sono state anche suggerite le modalità per sviluppare l'intero processo di Fundraising: dalla scelta degli strumenti (donazioni on line, direct marketing, grandi donazioni,..) alle modalità per valutarne i risultati. Prima del dibattito finale, il workshop ha visto inoltre l'esposizione del programma di fundraising portato avanti da una società consorella, la Canadian Red Cross.
 
La curiosità e la forte adesione dei partecipanti (circa 60) fanno pensare che i Giovani della Croce Rossa siano pronti ad affrontare con entusiasmo questa nuova sfida. .

 

Valentina Salvini


 

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedInShare on Google+